Uranio, da Tar 103 mila euro ad alpino

Il Tar Valle d'Aosta ha riconosciuto un risarcimento di 103 mila euro per il danno biologico patito da un militare che dal 1999 al 2008 ha svolto missioni in Kosovo e in Afghanistan, dove venivano impiegati proiettili anticarro "contenenti uranio impoverito". L'alpino, un trentasettenne di origine valdostana, aveva presentato ricorso contro il ministero della Difesa. Le sue condizioni erano peggiorate nel 2011: con la diagnosi di un "Linfoma di Hodgkin classico a cellularità mista", veniva sottoposto a cicli di chemioterapia. Curato e rientrato al lavoro, è stato destinato a mansioni da impiegato. Gli era stata riconosciuta l'indennità per causa di servizio ma non il risarcimento. Concedendo però quell'indennizzo, per i giudici è la stessa amministrazione - "notoriamente restia al riconoscimento" con il Comitato di verifica cause di servizio - a certificare, si legge nella sentenza, "che l'insorgenza della patologia è dipesa" dalle "condizioni di lavoro, cioè nell'esposizione ad uranio impoverito".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. AostaCronaca.it
  2. AostaCronaca.it
  3. AostaSports
  4. AostaCronaca.it
  5. AostaSports

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Saint-Christophe

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...